FRANTOIO

olio
frantoio

Il Frantoio Zanaboni è nato nel 1966 grazie a Nonno Ferruccio e al figlio FrancoFrancesco, nato e cresciuto nella realtà dell’Azienda Agricola, fin da bambino appassionato della attività della famiglia, rappresenta così la terza generazione di produttori di olio pregiato.

Dal 1993 è in funzione il Nuovo Frantoio Zanaboni, completamente ristrutturato nell’edifico e nei macchinari.

FRANTOIO ZANABONI
Località Schiantapetto 23
Massa Marittima
Telefono: (+39) 0566 90 3514

Desidero ricordare brevemente ai nostri Visitatori il processo di poduzione del Frantoio, che affianca ai più modeni macchinari, l’antica tradizione della produzione artigianale.

Dopo la raccolta, le olive vengono stivate nei recipienti. Da questi passano nella prima tramoggia e quindi al nastro trasportatore.
Prima di cadere nel nastro trasportatore, le olive attraversano il defogliatore. Questa operazione è fondamentale perché altrimenti le foglie darebbero all’olio un sapore troppo amaro e piccante.
Dopo essere stata lavate, le olive vengono stivate in una seconda tramoggia, per poi arrivare attraverso la coclea a forma di spiarale all’infrangitore. Nell’infrangitore vengono triturare fino a formare la pasta di preparazione.
Dopo queste fasi di lavorazione, è la volta della macinature mediante le macine in pietra di granito sardo. Abbiamo scelto di continuare ad usare le macine, anche se non indispensabili nel nuovo impianto di produzione, per garantire l’elevata qualità del prodotto finale.
Dopo la macinazione, la pasta di olive viene introdotta nelle gramole per prepararla all’estrazione. La gramola è un macchinario che deve semplicemente tenere in movimento la pasta, per permettere alle particelle d’olio contenute in essa di liberarsi della parte solida.
Dopo le gramole, tramite la pompa pasta, la stessa pasta entra nel decanter, ovvero in un estrattore: un cilindro che rotando a 3.600 giri al minuto, separa le tre masse (acqua, olio, parte solida).
Dopo la separazione, le due masse liquide vengono incanalate: l’acqua viene mandata direttamente nelle vasche di vegetazione, dove viene analizzato il ph prima di disperderla di nuovo per fertirrigazione; l’olio, già depurato al 90% viene invece pompato al separatore, ovvero una macchina che lavora per forza centrifuga a 12.000 giri al minuto, e che serve per togliere le ultime impurità dall’olio.
Dopo questo trattamento l’olio è pronto per la tavola: olio extravergine di prima spremitura non filtrato, con coefficiente di acidità – tanto per comprenderne la qualità – che raramente arriva a 0.50.
L’olio viene messo in contenitori di acciaio inossidabile per alimenti perfettamente sigillati, altrimenti a contatto con l’aria si ossiderebbe e perderebbe le qualità benefiche. Viene sempre mantenuto a temperatura costante, che non deve mai essere inferiore alla temperature limite di 5 gradi: in caso contrario le sostanze benefiche precipiterebbero sul fondo e anche rialzando la temperature il prodotto resterebbe alterato.

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com